SHARE ON

Customize your profiles
Import your ads

Many new applications
For your activities

A new social network
Different from the others

Ads on Google maps
Rich of details and images

Use our applications
Directly on your sites

EsaJob

What
Where
Area

Preventivi gratuiti per certificazioni energetiche
Publicity

 

 

Your banner on EsaJob

 

 
EsaJob persoanl blog of the user Fenrir for the section Poetry

 

Wotan mit Uns

10/07/2009 19:56:16  

The lyrics for a song I wrote at the close of april 2009, for a band of friends named Sacro Macello di Valtellina[symphonic-epic black metal]

 

 

 

Testo scritto verso la fine di aprile 2009 appositamente per i Sacro Macello di Valtellina[un gruppo in cui suonano alcuni miei amici], sulla disfatta di Quintilio Varo a Teutoburgo [9° secolo d.C].

 

 

In quanto autore, non prendo ufficialmente nessuna parte, anche se sotto il palco ho la ferma intenzione di fare una strage equiparabile a quella perpetrata dai germani :D

 

 

ODEN MIT UNS!

 

 

p.s. nell'ultima strofa il paragone è con la costellazione dell'Aquila, che è posta nel firmamento tra quella della freccia[Sagitta] e quella dello scudo [Scutum]

 

 

 

 

enjoy it! [SOTTO C'E' LA TRADUZIONE]

 

 

 

 

 

 

CLADES VARIANA

 

 

 

VARE!

 

 

 

Your laurels are ashamed

 

 

Of rotting under gore

 

 

Fair Rome you have been tamed

 

 

And wounded at the core

 

 

 

A chieftain could arise

 

 

And whishper runes of war

 

 

You yielded to the wise

 

 

Abused like an old whore

 

 

 

 

[clean vocals]

 

 

Don't fear the breath of battle-breeze

 

 

For Wotan knoweth them that are His

 

 

 

The woods of northern lands

 

 

Are filled with cries of pain

 

 

There's blood upon our hands

 

 

The sacred dew of slain

 

 

 

No mercy for the brave

 

 

No mercy for the vile

 

 

The blood of the next wave

 

 

Will dye a whole square mile

 

 

 

And hither bowel stand

 

 

Yon heads about to fall

 

 

Then came the last command:

 

 

The slaughter of them all

 

 

 

[clean vocals]

 

 

Don't fear the breath of battle-breeze

 

 

For Wotan knoweth them that are His

 

 

 

Shame on the Thunderbird!

 

 

Three eagles, pride of Rome

 

 

Dispersed like a herd

 

 

Forgot their way back home

 

 

 

Among the starry field

 

 

A lightning lits no more

 

 

The arrow and the shield

 

 

As in the days of yore

 

 

 

REDDE LEGIONES

 

 

REDDE LEGIONES

 

 

REDDE LEGIONES!!!![ripetere ad libitum]

 

 

 

 

 

 

LA CATASTROFE VARIANA

 

 

 

VARO![quintilio, nda]

 

 

 

I tuoi allori si vergognano

 

 

Di marcire sotto al sangue rappreso

 

 

Bella Roma sei stata domata

 

 

E ferita nel profondo

 

 

 

Un capo potè sorgere

 

 

E sussurrare rune di guerra

 

 

Ti piegasti al saggio

 

 

Abusata come una vecchia***a

 

 

 

 

 

Non temere il soffio della brezza della battaglia

 

 

Perchè Odino sa quelli che sono i Suoi

 

 

 

I boschi delle terre del nord

 

 

Sono pieni di grida di dolore

 

 

C'è sangue sulle nostre mani

 

 

La sacra rugiada del massacro

 

 

 

Nessuna pietà per il coraggioso

 

 

Nessuna pietà per il vile

 

 

Il sangue della prossima ondata

 

 

Tingerà un intero miglio quadrato

 

 

 

E qui stanno le interiora

 

 

Lì teste che stanno per cadere

 

 

Quindi giunse l'ultimo ordine

 

 

Il macello di tutti loro

 

 

 

 

Non temere il soffio della brezza della battaglia

 

 

Perchè Odino sa quelli che sono i Suoi

 

 

 

Vergogna sull'uccello del tuono![aquila, nda]

 

 

Tre aquile, orgoglio di roma

 

 

Disperse come una mandria

 

 

Scordarono la strada di casa

 

 

 

In mezzo al campo stellato

 

 

Un lampo non illumina più

 

 

La freccia e lo scudo

 

 

Come nei tempi andati

 

 

 

RESTITUISCI LE LEGIONI

 

 

RESTITUISCI LE LEGIONI

 

 

RESTITUISCI LE LEGIONI

 

 

 

 

 
 Comments: (0)


 
User photo
Fenrir
 
My profiles
 
Where we are
 
My links
myspace
 
 
    EsaJob
    EsaJob